30 agosto 2006

Ancora lezioni di dignità da Israele

La generosa Norvegia, sempre pronta a offrire soluzioni e appoggi allo scopo di lenire le ingiustizie nel mondo, questa volta ha commesso un errore di ingenuità del quale ogni uomo nato libero dovrebbe però esserle riconoscente.

Con la sua offerta della cittadinanza norvegese a Yossi Sarid, per permettergli la partecipazione al (udite, udite!!!) "Convegno internazionale sulla tolleranza e libertà di espressione", vietata però agli Israeliani, che si terrà a Bali in Indonesia, ha dato proprio a un Israeliano l'occasione per un'ulteriore prova di grande dignità e orgoglio!

Da Israele.net

28-08-2006

Yossi Sarid respinge la cittadinanza norvegese

Yossi Sarid, per lunghi anni parlamentare della sinistra israeliana (Meretz-Yachad), oggi editorialista di Ha’aretz, ha respinto un’offerta ufficiale da parte del governo norvegese di conferirgli la cittadinanza norvegese per permettergli di partecipare a un convegno internazionale su tolleranza e libertà d’espressione in programma a Bali, Indonesia. Il suo invito, infatti, era stato annullato in quanto cittadino israeliano. Tre mesi fa Yossi Sarid era stato invitato dal ministero degli esteri norvegese a partecipare al “Global Inter-Media Dialog” in programma a Bali, un evento internazionale co-sponsorizzato dal primo ministro di Norvegia e dalla presidenza indonesiana. Yossi Sarid era uno dei sessanta giornalisti invitati a prendere parte al convegno, il cui scopo dichiarato è quello “colmare il divario fra diversi popoli, culture e religioni”. Ma tre settimane fa l’ambasciata di Norvegia in Israele informava Yossi Sarid che l’Indonesia “nelle attuali circostanze” si rifiutava di garantirgli il visto d’ingresso. Secondo Yossi Sarid, il ministero degli esteri norvegese lo rassicurava tuttavia che una soluzione sarebbe stato trovata giacché la Norvegia considerava la cosa “una questione di principio”. Venerdì scorso i norvegesi hanno offerto la loro soluzione: Yossi Sarid avrebbe potuto entrare in Indonesia con un passaporto norvegese appositamente conferitogli. Il giorno dopo Yossi Sarid respingeva la proposta con una lettera indirizzata al presidente indonesiano e al primo ministro norvegese in cui afferma che “nessuna persona al mondo con un minimo di dignità, nessun persona che nutra un minimo di rispetto per la propria nazionalità accetterebbe questa distorta soluzione”. Yossi Sarid chiede agli altri invitati di boicottare il convegno come forma di protesta. (Da: Ha’aretz, 27.08.06)

Tags: israele, norvegia, cittadinanza, indonesia, yossi sarid, islam, ha'aretz

|

Links to this post:

Crea un link

<< Home